Blog: http://mondiepolitiche.ilcannocchiale.it

Altri scenari da non dimenticare

(...) Il nodo di Hamas, che controlla Gaza, e senza il cui apporto non può esserci alcuna pace in Palestina, si fa sempre più drammatico, anche per l’insorgere di aspri contrasti al suo interno, ma non sono migliorati neppure i rapporti tra Israele e i moderati dell’Anp, se Olmert ha dichiarato che nessun accordo è prevedibile entro il 2008, come sperava Bush. Lo stesso Olmert sta per lasciare il governo, travolto da accuse giudiziarie, e se il suo successore dovesse essere il falco Netanyahu, o anche l’attuale viceministro della Difesa, Mofaz, l’unica cosa da attendersi è un irrigidimento di Israele, non solo verso i palestinesi, ma anche verso la Siria e l’Iran. Mofaz, ma anche il suo capo, Barak, altro possibile successore di Olmert. Sono sempre più frequenti le «fughe di notizie» su piani di attacco israeliano ai siti nucleari iraniani, anche se si spera che sia solo uno strumento di pressione, mentre non si è certo alleggerita la situazione libanese, nonostante il «riconoscimento» siriano.(...)
Medio Oriente, l'arbitro resta l'America (la Stampa)

Attentato in Libano

Aumenta la concentrazione militare nel Golfo (Asia News)
La visita di re Abdullah in Iraq (Asia News)


Pubblicato il 13/8/2008 alle 14.22 nella rubrica Focus Medio Oriente.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web